Rubrica cinematografica delle umiliazioni.

19 settembre 2012 § Lascia un commento

Quel che ricordo bene di questa storia, è che lei viene derisa perchè dà prova del fatto che al campeggio ha imparato a mettersi il rossetto con le tette.

Annunci

Rubrica cinematografica senza discriminazioni razziali.

17 settembre 2012 § Lascia un commento

 

Ci sono dei nazisti, bevono la birra. A metà film il giapponese ha una crisi d’identità e si crede un militare tedesco. Lei si picchia con i muri. Non hanno nomi, lei è un’attrice e non si capisce che parte abbia nel film (diegetico).

 

Molto struggente, molto dimmi i cazzi tuoi, molto adulterio. Molto per i primi 15 minuti il giapponese fa il drago e non crede a niente.

Iparecchicolpi.

11 ottobre 2011 § Lascia un commento

I bei filmS

10 ottobre 2011 § Lascia un commento


– When i said i was falling in love with you
– in love? what’s that?
– this.
– no, I know what that is: it’s sensuality
– no, sensuality is a consequence. it cannot exist without love
– so what is love, then? your voice, your eyes.. your hands, your lips.. our silences, our words.. light that goes.. light that returns.. A single smile between us.. In quest of knowledge, i watched night create day.. while we seemed unchanged o beloved of all, beloved of one alone.. your mouth silently promised to be happy. Away, away, says hate; Closer, closer, says love. A caress leads us from our infancy, increasingly I see the human form.. As a lovers’ dialogue. The heart has but one mouth, everything by chance, all words without thought, sentiments adrifts, men roam the city, a glance, a word, because i love you. Everything moves we must advance to live. Aim straight ahead toward those you love i went toward you, endlessly toward the light.  If  you smile, it enfolds me all the better, the rays of your arms pierce the mist.

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria Bei films su .