Geheimgangsverlockung

26 novembre 2015 § Lascia un commento

Oggi ho visto una donna piangere in Richard Wagner Straße. Una vigilava dei mobili in un lato della strada. Un’altra mangiava una mela e non si rendeva conto che le cuffie non erano inserite bene nel suo telefono e tutto il vagone sentiva quel che per lei invece era segreto.
(Tutto questo non ha niente a che fare con la giornata contro la violenza sulle donne)

Annunci

Herbstlaubtrittvergnügen

26 novembre 2015 § Lascia un commento

In questa casa ci vive un ragazzo che ama i videogames, io mi sento una presenza di troppo. Sembro dentro Ferro 3 perché sto abitando in una casa piena di cose altrui. Ogni giorno trovo cose nuove: film porno, adesivi, gettoni, soldi, candele. 

Il ragazzo che abita qui non credo abbia intenzione di continuare a vivere qui. E non in questa casa, non in questo quartiere, non in questa città, non in questo angolo del mondo. Dice di aver paura di un altro inverno qui, e lo dice con la faccia di uno che la paura non riesce proprio a levarsela di dosso. 

Io non ho paura però mi fa senso questo non vedere mai l’inizio e la fine di un posto. Quando prendo i mezzi e vado dappertutto, quando corro per non perdere la u8 per Wittenau. E poi finisco in questo quartiere lunghissimo, pieno di foglie, di turchi, di asili e non vedo molto. Ma sento tutte quelle foglie. Sempre. 

Ha nevicato così forte che sembrava finto. 

Ovest ed est sono proprio come nei libri, e dentro un cassetto ho trovato una confezione di targin dopo averti sognato e dopo aver dimenticato il tuo messaggio (che sarà stato profetico). 

Quella parola vuol dire quando si calpestano tante foglie.

611

6 novembre 2015 § Lascia un commento

Siamo qui da tre settimane sembrano secoli. Abitiamo in una zona che si chiama Strada Oslo dove ci sono un sacco di turchi che hanno paura dei cani. Andando un po’ più in là ci sono un sacco di negozi arabi, anche nelle cornici in vendita ci sono gli arabi. Non pensavo si potesse scivolare sulle foglie, perché qui cadono così tante foglie che non è più possibile vedere i marciapiedi. Vivo in una piccola casa di un’altra persona, ha una postazione da gamer con i led verde fluo. Qui a Berlino si sta sempre al buio nei bar e ci sono le persone che ti salutano per strada. Il tempo è buono e ancora non ho ben capito cosa sia il Chai Latte.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per novembre, 2015 su .