Sogno che non spiega niente.

29 luglio 2015 § Lascia un commento

Non so perché, c’eri tu che venivi in un posto con me, passando dalla 131. Eravamo a piedi, io non riuscivo a leggere i cartelli perché ero senza occhiali. Mi hai aiutato a portare delle cose ad un matrimonio.

Prima di andare al matrimonio mi hai guardato un po’ strano e mi hai detto cose stupide, abbiamo riso, ti è uscita una frase che non aveva più senso per me.

Allora ti ho chiesto: perché?

E tu mi hai detto che non si può chiedere il permesso per tutto, soprattutto per star male.

E ti ho lasciato lì, per sempre.

Annunci

21 luglio 2015 § Lascia un commento

E’ passato meno di un giorno ed è già pieno di scatole, buste, cose. L’unica cosa uguale è il letto, il resto aspetta già di fronte alla porta al buio, come se fosse in una sala d’attesa.

Sam dice che nonostante tutto mi ritroverò con le stesse persone a bere una birra, per brindare o per passare una serata.

In cinque anni son successe così tante cose che quasi ho dimenticato gli anni precedenti.

In cinque anni non pensavo si potessero accumulare così tante cose.

Vorrei mettermi in tasca tutta questa casa, perché non si è mai pronti per le cose nuove.

Anche se ci penso da mesi, non si è mai pronti a niente, ma Sam dice don’t view it like an event.

Ed è così che si sparisce.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per luglio, 2015 su .