Pane marmellata e pensione

19 settembre 2011 § 4 commenti

Non so ancora quale parola sia più adatta, forse dovrei ricorrere ad una frase, ma giuro che ancora ci rifletto, rifletto mentre nel mio orecchio si riversa la galvanizzante informazione inerente alla remunerazione della celebre Cicciolina, per il suo funzionalissimo impegno politico. Si dice felice, orgogliosa e soprattutto soddisfatta per la sua ardua impresa politica, dove afferma di essersi guadagnata i voti lavorando e portando ben 12 proposte di legge. Per tutto questo mirabolante impegno politico ha ottenuto una pensione di 3.000 €

Perviene l’illuminazione. La mia missiva ha trovato le parole che, con tanto sforzo, ricercavo all’inizio:

Ilona,

ma vai a cagare.

 

Annunci

Ma le tag, a cosa servono dopotutto.

18 settembre 2011 § Lascia un commento

Le flebo, il sonno, vorrei tanto poter leggere senza addormentarmi..

Ho voglia di tenere a mente  delle cose, ma sento che sto per crollare su questa sedia.

Questa tazza si è raffreddata, il thè è finito.

 

 

 

 

 

Non posso addormentarmi ora..

S.p.a.d.e.

16 settembre 2011 § Lascia un commento

Vorrei essere tagliente come un ‘eccomi’.

 

Non trovo mai il colore che cerco, e mi sento un palebluedot visto anzichè da lontano, da molto vicino, talmento vicino da

No, non credo.

Stanno crollando alcuni pezzi di carta dalle pareti di questa scatola, una foto ciondola semi-appesa, altre si staccano lentamente, alcune parole scoloriscono, altre proprio non riesco più a vederle, mentre ci sono quelle che non ricordo, e allora forse non dovrebbero cessare di esserci? Le ho solamente appoggiate al comodino questa notte sì, prima di spegnere la luce, prima di dormire.

C’è anche dell’acqua che faccio finta di bere, dei libri che mi spaventano, un foglio bianco e una penna scarica. Non capisco quanto labile sia, questo confine tra il credere di sapere e non sapere: il credere di non sapere, suppongo. Ma forse è anche troppo semplice, nella sua difficoltà di risposta, rispondere, per l’appunto.

Risuona un avviso della stazione marittina, risuona qualche cane nella via, risuona la voce di mia madre nel piano di sotto;

Sono le dieci.

E non capisco se è presto o tardi.

16 settembre 2011 § Lascia un commento

Mio diario inconcluso, è tempo di bruciare. Posso sognare, perchè non sono niente. Lasciami morto sul tappeto, fammi morire ad occhi aperti, senza aspettare che sia buio. Liberami dalla mia attesa, respirerò lo stesso. Ma vivo ancora fra le ombre. Ho radici perse nella sabbia. Confondo il pianto dei colori con i gemiti del vento.

Inversione a uva.

15 settembre 2011 § Lascia un commento

Mezzanotteventitrè: non becco mai delle cifre tonde, rimango sempre appesa all’incertezza del mezzo pieno/mezzo vuoto, grazie caro Max, notti intere ad aspettarti, ad aspettare tehe.

Non dico che si necessita di un’overdose di cultura generale per capire la frase qua sopra, ma non è per tutti.

Togliere le forcine dal cranio prima di chiudere gli occhi è grandioso, come togliersi le scarpe dopo una lunga giornata di lavoro..

.. Asfissiante; ma no dai, si scherza.

Il punto è che sono in una situazione di stallo, un momento di fase politica intensa (questo è invece un altro Max, e qui è richiesta una dose maggiore di cultura generale, insieme a quella musicale che nell’altro caso non era possibile congiungere in un connubio al limite della decenza). Se tutto va secondo i piani, se la terra continua a girare, e se l’inversione del campo magnetico, e dunque dei poli, non avverrà entro la prossima settimana, ma come fanno tutte le donne, si farà desiderare fino a tempo determinato (nel suo caso, dalla regia mi dicono nel 2012 [i Maya conoscevano già la fisica quantistica]) senza dunque recare grossi danni a questa vecchia palla che ci tiene ben saldi alla sua superficie insieme alla forza di gravità che ha reso possibile la urbanizzazione di tutti i continenti, senza dover stare per forza tutti al polo nord, cioè nell’unico punto fisicamente idoneo dal punto di vista satellitare..

Compirò gli anni.

 

 

Anche se non riesco a smettere di pensare a tutti quei poli nord e poli sud che riempono metà sezione terrestre ciascuno durante la fase di inversione.

 

Domani mi metto lo smalto.

Swedish.

15 settembre 2011 § Lascia un commento

Questa è una delle cose più simpatiche della Svezia.

Che simpaticona

14 settembre 2011 § Lascia un commento

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per settembre, 2011 su .